Quirinale: elezioni o nomination?

Amato_dalemaL’ombra lunga di Siena si proietta comunque sul Colle. Perché? Perché protagonisti di questa battaglia sono Amato e D’Alema. Amato è da sempre legato al territorio senese, dove è stato più volte eletto. D’Alema per i suoi rapporti col Monte dei Paschi.
Aldo Ferrara. “L’ingorgo istituzionale”, determinato dalle elezioni degli organismi parlamentari, del nuovo inquilino del Quirinale, con la successiva nomina del governo, può diventare un tritacarne ed avviare quel processo di disgregazione che è nelle cose, ovvero diventare momento iniziale di riassetto, in un senso od in un altro. Comunque vadano gli avvenimenti, la sinistra italiana non sembra liberarsi da quel complesso di problemi, d’irrisolte questioni interne, che la porta ad un percorso tendenzialmente autofagico.
In una dinamica di veti e personaggi contrapposti, molti dei quali passano per il toto-Quirinale, restano due punti fermi: il primo, indiscutibile, è Bertinotti nella sua nuova figura istituzionale. Ha dato già ottima prova dimostrando saggezza politica e soprattutto che si può fare politica anche dalla terza carica dello stato. L’esplorazione rapidissima, affidatagli dal Capo dello Stato, per la verifica se fosse più opportuno dare l’incarico per il nuovo governo subito o dopo il rinnovo del Quirinale, con la conseguente scelta di convocare in anticipo le Camere, indica a sua volta due cose: primo che Ciampi aveva già deciso di non ricandidarsi e secondo che lo scontro per il Quirinale può essere foriero di nuovi cambiamenti sul governo stesso. Sia sulla composizione del governo sia sulla sua guida.
Il secondo punto fermo è l’accoppiata D’Alema-Amato. Non si scontreranno mai il Presidente ed il Vice-Presidente della Fondazione Italiani Europei che è ben più di una onlus (né, in questa fase, si scontreranno mai il potere politico, espressivo della sinistra attuale con il potere consolidato di banche ed industria). Dunque non di contrapposizione ma di giustapposizione (per altro opportunamente) si tratta, tra Quirinale e Governo.
Continua a leggere

Annunci