Risultati della prima votazione per l’elezione del Preside di Medicina a Siena

Quorum necessario: 178 voti. Gian Maria Rossolini: 128 voti; Alessandro Rossi: 58 voti; Carlo D’Aniello: 43 voti; Alessandra Renieri: 39 voti; Giuseppe Gotti: 17 voti; Nicola Nante: 15 voti; schede bianche: 6; schede nulle: 5. La seconda votazione avrà luogo il 21 maggio 2009.

6 Risposte

  1. Cari Colleghi e cari Studenti,
    ringrazio vivamente quanti mi hanno onorato della loro preferenza in occasione della prima tornata elettorale.
    Il consenso ricevuto mi incoraggia a procedere e a chiedere la Vostra fiducia in occasione della prossima tornata.
    Un saluto cordiale,
    Gian Maria Rossolini

  2. Gentili Colleghe e Cari Colleghi,
    alla luce dei risultati della prima tornata delle elezioni per la presidenza, pur ringraziando quanti mi hanno onorato della loro preferenza, mi sembra opportuno ritirare la mia candidatura.
    Non mi appare questa la sede dove comunicare a chi andrà il mio voto, in quanto la mia candidatura era nata all’interno del Dipartimento di Chirurgia e Bioingegneria e dentro di esso si spenge. Sarà il Dipartimento, se troverà un accordo, ad indicare quale dei candidati rimanenti verrà appoggiato.
    Cordialmente vostro.

    Giuseppe Gotti

  3. Al Corpo Elettorale,
    ringrazio tutti coloro che hanno sostenuto la mia candidatura in questa elezione che, a mio giudizio, ha rappresentato un momento di grande democrazia partecipativa nella storia della Facoltà.
    Ritengo doveroso informarVi, d’intesa con il gruppo di colleghi ordinari, associati, ricercatori e studenti che mi ha sostenuto, che avendo identificato nel programma presentato dal Prof. Rossolini molti punti di condivisione, ho deciso di sostenere la sua candidatura a Preside della Facoltà.
    Un caro saluto,
    Carlo D’Aniello

  4. Cari Studenti e Colleghi,
    lo scorso 14 maggio, con la prima tornata elettorale, abbiamo assistito ad una importante prova di democratica partecipazione. Mai si era registrata, al primo turno, una così alta percentuale di votanti. Non è mancato l’intervento, prevedibile, dei soliti, ormai noti, “furboidi”, esperti in scorciatoie: il giorno prima delle elezioni, il mio gruppo di lavoro è stato fatto oggetto dell’ennesimo attacco diffamatorio, questa volta palese. Quanti altri di Voi subiscono analoghe, magari più subdole, “attenzioni”? La mia attività “politica” è volta a contrastare la cappa ossessiva con la quale pochi individui, che sono attratti più dal potere che dai libri e dai pazienti, comprimono la creatività dei membri della nostra Facoltà. Per fermare le idee, non basta screditare chi le esprime, gettando ulteriore fango sulla nostra Università. Il documento “La forza dei fatti e delle idee”, che Vi ho inviato in forma cartacea e che è visitabile sul sito http://www.publichealth.unisi.it
    (pagina italiana), è, invece, il contributo “tecnico” che offro alla Facoltà: esso, partendo da una dettagliata analisi dei problemi, propone soluzioni organizzative che, con il mio entusiasmo, saranno a disposizione di chiunque, tra i candidati, democraticamente eletto, vorrà impegnarsi per una Facoltà migliore.
    Vostro
    Nicola Nante

  5. Al corpo elettorale,
    ringrazio tutti i colleghi e gli studenti che mi hanno sostenuto. Mi sono candidato con passione e convinzione, che rimangono ferme come ferma è la decisione di proseguire. Essendo tra i candidati il secondo che ha avuto il maggiore consenso, ho anche l’impegno di mantenere aperta una concreta possibilità di scelta da parte dell’elettorato.

    Mi permetto di ricordare quattro dei punti programmatici:

    1. La Facoltà di Medicina deve avere un compito da realizzare e non una sopravvivenza da gestire.

    2. La Facoltà medica deve recuperare la centralità nell’ambito dell’Ateneo.

    3. La Facoltà deve essere capace di disegnare un patto paritario, con fini comuni ma funzioni diverse, fra la Facoltà di Medicina e Sanità.

    4. La professionalità, che è la base del contratto tra Facoltà di Medicina e Società, deve essere riconosciuta con l’applicazione degli incarichi professionali e l’estensione della convenzione a tutti i ricercatori impegnati nella ricerca applicata.

    Un caro saluto,

    Alessandro Rossi

  6. Cari Colleghi,
    ringraziando quanti di voi hanno già espresso il loro appoggio nelle votazioni del 14 maggio, vorrei continuare il mio impegno elettorale con la stessa motivazione, la stessa energia e lo stesso ottimismo che ho impegnato fin dal primo momento della mia candidatura.

    Con la modalità di candidatura, confido di aver dimostrato nei fatti di voler inaugurare una nuova era di conduzione della Facoltà, fatta di contatto diretto con i colleghi, condivisione entusiasta di progetti e idee, coinvolgimento delle capacità di ognuno non trascurando la più remota potenzialità di questo corpo accademio. Se tutto ciò ha dato a voi la stessa energia che voi avete dato a me, vi prego di dimostrarlo con il voto del 21 maggio.

    Alessandra

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: