La mala gestione dell’università di Siena riguarda gli ultimi tre rettori

Le dichiarazioni sull’università del candidato sindaco Alessandro Nannini sostenuto da: Pdl, Lega Nord, lista civica “Io Amo Siena” e Movimento per la Difesa della Senesità.

Alessandro Nannini. I 7.000 iscritti in meno all’università negli ultimi anni sono soldi persi, forse anche una perdita di valore immobiliare a Siena. È un problema serio che va affrontato tutti insieme: perché non vengono più a Siena? Dobbiamo portare di più i ragazzi a Siena, farceli vivere qualche giorno, promuovere altrove la nostra città, magari organizzando campagne con le camere di commercio locali, per mostrare che Siena è una città meravigliosa e anche sicura, facciamolo vedere anche ai genitori. Il crack? Come sempre sarò sincero, anche a costo di perdere voti: negli ultimi 10-12 anni ci sono state problematiche di mala gestione. In questo ritengo che Focardi abbia sbagliato a non renderle pubbliche subito. Ma comunque diciamolo: l’università non ha perso 250 milioni di euro, ne ha persi 20 all’anno. Ed evidentemente da Berlinguer a Tosi qualche problema devono averlo avuto anche loro. In teoria non è qualcosa di cui dovrebbe occuparsi il sindaco, ma adesso bisogna curare questi 20 milioni che si perdono ogni anno con iniziative più specifiche. Lo merita la tradizione del nostro ateneo.