Roma tre, l’università dove i docenti si autodenunciano per i concorsi universitari

Michele Ainis e Vincenzo Zeno-Zencovich

Michele Ainis e Vincenzo Zeno-Zencovich

Ha cominciato Michele Ainis su “L’Espresso” del 24 ottobre 2013 con il titolo: «Macché raccomandati, aboliamo i concorsi».

Lo ha seguito Vincenzo Zeno-Zencovich su “Il Foglio” del 6 novembre 2013 con il titolo: «Lettera d’autodenuncia a un Procuratore: sì, io trucco i concorsi universitari»

Riflettiamoci!

Annunci

3 Risposte

  1. […] Roma tre, l’università dove i docenti si autodenunciano per i concorsi universitari […]

  2. Ma che bei giuristi! L’argomento, in sostanza, è questo: poiché i concorsi sono una truffa, e tutti lo sanno e nessuno può farci niente, aboliamo i concorsi, che altro non sono che occasioni di reato, o magari aboliamo direttamente il reato. È un po’ come dire: siccome tutti rubano e non è possibile fare che non rubino, aboliamo il reato di furto. Ma che bei giuristi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: