Sulle elezioni del rettore di Siena solo parole o uso di strumenti di democrazia?

involuzionedellaspecierettoraleDa tempo, ripeto che «la crisi dell’Università di Siena, cominciata nella seconda metà degli anni ’80, è stata ed è, prima di tutto, crisi culturale e morale che, insieme a una ridotta capacità critica della comunità accademica, sempre più conformista e indifferente, è sfociata nel default economico-finanziario e istituzionale.» Una conferma di ciò s’è avuta anche nel corso della competizione elettorale per l’elezione del rettore, durante la seconda tornata e il giorno successivo alla proclamazione del vincitore. S’è scritto e detto di tutto: che lo Statuto è stato calpestato, che Frati è ineleggibile, che non c’è stata trasparenza, privatizzazione delle elezioni, quorum segreto, interferenze private nel consiglio studentesco, che il prossimo prorettore vicario sarà Verzichelli, destinato nel 2022 a sostituire Frati alla guida dell’Ateneo, ecc.. Può andar bene tutto, ma “sono solo parole” (come dice la canzone). La democrazia ha le sue regole, procedure e formalità che devono essere rispettate. Per esempio, esiste uno strumento democratico, cui i “critici” possono ricorrere (se realmente interessati a farlo), costituito dal 1° comma dell’articolo 7 del Decreto di indizione delle elezioni: «entro cinque giorni dalla proclamazione degli eletti, chiunque sia interessato in ragione della propria appartenenza all’elettorato attivo o passivo può presentare ricorso avverso i risultati delle elezioni, muovendo contestazioni relative alle operazioni di voto, a quelle di scrutinio, alla legittimazione attiva degli elettori e a quella passiva dei candidati e degli eleggibili.» Non solo! Si può fare  anche richiesta di accesso agli atti relativi alla prima e alla seconda votazione!  Capisco che in tal modo ci si espone in prima persona, ma è l’unico modo per ottenere risposte certe e formalmente contestabili.

Pubblicato anche da:
il Cittadino online (22 giugno 2016) con lo stesso titolo.

Annunci

2 Risposte

  1. «…entro cinque giorni dalla proclamazione degli eletti, chiunque sia interessato in ragione della propria appartenenza all’elettorato attivo o passivo può presentare ricorso avverso…» Decreto di indizione delle elezioni

    Carissimo e stimato Professore,
    tutto quanto da lei evidenziato è decisamente giusto, è un puro ed ottimo consiglio, ma credo che all’atto pratico rimarrà tale, cioè apprezzato e mai messo in atto, perché!…
    Perché la sua voce, se pur ascoltata, difficilmente farebbe presa sulla parte dell’elettorato studentesco (troppo timido!) a cui, tutto sommato, poco importa dell’agonia di UNISI; il personale TA, questo sì dovrebbe essere molto interessato alle tristi vicende della loro Università, perché rappresenta la fonte del loro pane quotidiano, e proprio quest’ultimo frenerà l’auspicata e determinata azione; infine che pensare, e dire con il forte rischio di ripetermi, del personale docente?
    Pregiatissimo Professore, con la loro massiccia risposta alla chiamata alle urne (86,91%) hanno scelto che “Tutto va bene”, e sarebbe per loro molto pericoloso fare giustizia.

    Sena da Oxfo

  2. Sarà utile ritornare sulle analisi del voto, sulla partecipazione delle tre componenti (docenti, studenti e personale TA) e sulle cause che hanno provocato tale risultato. Il giudizio che ne dà Sena da Oxfo lo condivido ed è proprio quello che mi ha spinto a scrivere l’articoletto-consiglio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: