Se non è possibile mettere al rogo Peter Duesberg mettiamoci Marco Ruggiero!

Di seguito un articolo de il Fatto quotidiano(21 marzo 2012) dal titolo: «Firenze, inchiesta interna per il ricercatore “negazionista” che cura l’Aids con lo yogurt». Altre brevi letture consigliate: «Una mediocrità, nella ricerca, anche se di prim’ordine»; «Tecnici abilissimi ma scienziati mediocri»; «Barbara McClintock: “la scienza è cresciuta a dismisura diventando ottusa”»; «Virus fantomatici, grossi guadagni e conflitti d’interesse sull’epatite C»; «La vera storia dell’Aids è ancora tutta da scrivere: dal virus osannato al virus inventato»; l’intervista di Ruggiero a “la Repubblica” di oggi.

Alessandro Delfanti. L’Università di Firenze torna a essere invischiata in un problema legato ai “negazionisti” dell’Aids. Pochi giorni fa il rettore Alberto Tesi ha aperto un’inchiesta interna sulle attività accademiche di uno dei suoi professori, il biologo molecolare Marco Ruggiero, in seguito alla lettera ricevuta da un gruppo di pazienti e attivisti. Ruggiero infatti è conosciuto a livello internazionale come facente parte del piccolo gruppo di ricercatori che nega che il virus Hiv sia la causa dell’Aids, una tesi infondata e osteggiata dalla stragrande maggioranza degli esperti e della comunità accademica e medica.

Ruggiero, secondo la lettera inviata dal gruppo di discussione Hiv Forum, nella sua attività all’università di Firenze insegna corsi negazionisti agli studenti ed è il relatore di tesi di laurea dello stesso tenore. Inoltre sarebbe arrivato a contattere pazienti in rete proponendo l’uso di yogurt addizionato di Gc-Maf, una proteina con effetti “rafforzatori del sistema immunitario” e che consentirebbe all’organismo di combattere il virus senza l’uso di farmaci antiretrovirali: un’ipotesi irricevibile per chi fa ricerca medica e per gli stessi pazienti. Nella lettera infatti si esprime “estrema preoccupazione per la disattenzione con cui l’Università di Firenze appare affrontare le teorie insegnate e le attività poste in essere dal professor Marco Ruggiero su un tema per noi di vitale interesse: quello dell’Hiv quale causa dell’Aids”.

In risposta alla lettera, che chiede all’ateneo di dissociarsi dalle attività del biologo, l’università di Firenze indagherà su “comportamenti didattici e responsabilità” di Ruggiero, come afferma un portavoce intervistato dalla rivista scientifica Nature. Pochi mesi fa Ruggiero aveva firmato insieme al capofila dei negazionisti, l’americano Peter Duesberg, un articolo scientifico pubblicato proprio da una rivista dell’università di Firenze, l’Italian Journal of Anatomy and Embriology (Ijae). La rivista è diretta da un altro biologo dell’ateneo fiorentino, il professor Paolo Romagnoli. In quell’articolo si mette in discussione il ruolo dell’Hiv nell’epidemia di Aids in Africa e si sminuisce il ruolo dei farmaci antiretrovirali usati per combatterlo.

La guerra agli antiretrovirali messa in campo dai “negazionisti” è pericolosa: mettendone in discussione l’efficacia si rischia di convincere i pazienti a non usarli. In un’intervista a GalileoStefano Vella dell’Istituto Superiore di Sanità e della Commissione nazionale per la lotta all’Aids sottolinea che nello studio di Ruggiero “non vengono illustrati i benefici prodotti da questi farmaci in termini di aumentata sopravvivenza e di imponente riduzione della mortalità, osservati attraverso sia trial clinici controllati sia studi osservazionali, né è citato il fatto che oggi l’aspettativa di vita dei pazienti in regime terapeutico è paragonabile a quella delle persone non infettate. È proprio questo straordinario effetto della terapia a dimostrare la relazione di causalità tra il virus e la malattia”.

La commissione d’inchiesta interna dell’università valuterà le attività didattiche di Ruggiero e si pronuncerà entro il prossimo 15 aprile. Non è ancora chiaro se le sue decisioni potrebbero avere ripercussioni sulla carriera accademica di Ruggiero. Intanto due membri internazionali del comitato scientifico della rivista dell’università di Firenze si sono già dimessi. Nessuna ripercussione invece su chi la dirige, il professor Romagnoli.

Annunci

26 Risposte

  1. …non è paradossale che coloro che affibbiano l’etichetta di negazionisti a scienziati di grande valore, umano, morale e culturale, sono, alla fine, proprio quelli che negano ai loro colleghi la libertà di opinione e il libero esercizio della professione e ai pazienti la libertà di scelta nelle cure?
    Riflettete, gente, riflettete e ponderate a fondo. Non mi pare che la medicina accademica abbia, fino ad oggi, dato grandi prove di moralità, onestà e rispetto di un qualsiasi codice deontologico … sugli esempi pratici si potrebbero scrivere trattati!!! … Per non parlare della malasanità, ossia di quella che si può definire la traduzione, nella pratica, della “scienza” medica accademica.
    Siamo sempre più nella cacca …ora manca solo il ritorno alla Santa Inquisizione … e magari la coercizione terapeutica che parte dal principio che la gente sia incapace non solo di decidere se, come e da chi farsi curare, ma anche di esprimere un parere sulla cultura, le conoscenze e la professionalità dei medici ai quali chiede assistenza.
    Uno schifo totale (un altro) in un Paese in cui le cose non vanno proprio al meglio.
    Magari non interessa a nessuno, ma io sono con i negazionisti!!! … su tutta la linea!!!

  2. E se le accuse contro il prof. Ruggiero fossero una montatura, come sembra suggerire l’intervista a Repubblica?

    È fra l’altro uscito in Italia un thriller sulla vicenda HIV e AIDS, un e-book, si chiama American Killer e l’autore è John D. Cajo.
    Sono ansioso di vedere cosa succede il 15 aprile.

    • Più che dire “Se fossero”… purtroppo lo sono di seguito la lettera al rettore di HIV INFORMA di cui nessuno parla http://www.hivinforma.it/downloads/unifi.pdf Ti pregherei di prendere visione delle note/referenze, grazie.

    • Da quasi un anno io utilizzo il MAF314 del Prof.re Ruggiero. Non ho mai pagato nulla.

      Non sono stato contattato da Ruggiero ma insistentemente ho chiesto di provarlo.
      Ruggiero non mi ha mai invitato a interrompere la HAART. E in effetti assumo il MAF314 in contemporanea con la terapia HAART.

      Ne ho tratto indubbi benefici. Spero che di questi benefici ne possano godere tutti i sieropositivi.
      So bene che ci sono forti interessi in campo.

      Il rettore dell’univerisità di Firenze, purtroppo, ha scelto di inquisire un benemerito ricercatore, che ha il merito di aiutare i sieopositivi con la sua sperimentazione.
      Chi dice che Ruggiero contatta in rete i sieropositivi offrendo il suo prodotto a pagamento e invitando a sospendere la HAART è sicuramente passibile di denuncia per calunnia. Fossi in Ruggiero non esiterei un attimo a sporgere denuncia contro ignoti. O contro noti?

  3. Mi sembra scontato che si tratti di una montatura! Ha ragione Mastrangelo: qual è il loro obiettivo? Impedire ogni critica sull’assunto principale: che è l’Hiv a provocare l’Aids. Il secondo obiettivo è impedire che i pazienti siano informati e, quindi, possano decidere di non usare gli antiretrovirali. Addirittura pretendevano che la rivista “Italian Journal of Anatomy and Embriology” non pubblicasse l’articolo di Ruggiero. Un plauso, pertanto, al professor Romagnoli che dirige la rivista.

  4. …mentre si fa un gran parlare del destino possibile, probabile o plausibile dell’ateneo senese e in più di un’occasione siamo stati a discutere di ricerca e didattica (chi e come la fa, chi e che cosa insegna), osservo con stupore, disgusto e indignazione ciò che succede in un ateneo che si trova a pochi chilometri di distanza dal nostro e che, se non capisco male, dovrebbe assumere un ruolo guida nell’ambito delle politiche universitarie regionali. Sento parlare di commissioni di inchiesta (?) per decidere (?) dell’operato di uno scienziato che prova a porsi in un rapporto dialettico con la “conoscenza”, ossia… prova a fare il mestiere di scienziato! … e ne deduco che agli atenei nazionali non servono scienziati che siano pronti a mettersi in discussione per sostenere le proprie opinioni o i propri punti di vista, ma, caso mai, solo lacchè di regime e miserabili portaborse… e mi convinco che questa è la squallida sintesi e la brutale fotografia di ciò che è l’università in questo Paese, dunque non meravigliamoci più di tanto!
    Per completezza di informazione, però, anche se quella dell’AIDS è una maledetta truffa sulla quale tutti dobbiamo chiedere che venga fatta luce, al più presto e senza esitazioni, vorrei che i signori della nuova Santa Inquisizione Medica si rendessero conto che i cosiddetti “negazionisti” non sono un gruppuscolo di facinorosi incompetenti o incoscienti, ma, al contrario, annoverano tra le loro fila, scienziati di indiscusso valore tra i quali mi preme citare (perchè leggano quello che dice sull’AIDS e sull’ HIV) il premio Nobel per la Medicina, Kary Mullis, l’inventore della “Polymerase Chain Reaction”, che ha rivoluzionato il modo di studiare il DNA. http://www.virusmyth.com/aids/index/kmullis.htm
    Per rendersi conto che Ruggiero e Duesberg e tutta l’interminabile fila di scienziati che chiedono da decenni a gran voce (e rimettendoci di persona!) la verità sull’AIDS, non sono dei folli, leggano Lor Signori, cosa dice il Premio Nobel Kary Mullis e ci dicano se anche lui non meriti, per caso, di essere indagato per ciò di cui si è convinto, negli anni di duro lavoro che lo hanno portato a guadagnarsi la massima onorificenza scientifica cui uno scienziato possa ambire, sul nostro Pianeta!
    Poi, magari, provino anche a vergognarsi e alzino il culo dalle poltrone che occupano abusivamente!

  5. http://www.change.org/petitions/the-rector-of-the-university-of-firenze-in-italy-protect-defend-and-support-marco-ruggiero-s-view-and-work-on-aids

    Chi vuole, può firmare una petizione a favore del Prof. Marco Ruggiero. Io ho così commentato la mia adesione:
    La Ricerca è, per definizione, libera.

    La libertà di Opinione e di Informazione è garantita dalla Costituzione di questo e di altri Paesi.

    La libertà di Insegnamento è parte integrale ed essenza stessa dell’insegnamento Accademico.

    A meno che non si vogliano negare queste libertà e far credere che l’insegnamento accademico e la Scienza stessa debbano tornare ai tempi della Santa Inquisizione, dovremmo tutti sostenere la lotta del Prof. Ruggiero contro coloro che non vogliono conoscere la verità sull’AIDS.

  6. Ci siamo rotti le palle di essere presi per il culo da bigpharma, dalle varie associazioni finte onlus e finte misericordiose e dai politici e medici e ricercatori corrotti alla ricerca solo di soldi. La verità sull’Aids verrà fuori e dopo la pagheranno molto salata! Non avremo pietà!

  7. Grazie Domenico ho letto e firmato subito! Sono malata di Me/cfs, premetto che gli studi del Prof. Ruggiero si trovano su tutti i siti all’estero inerenti alla mia patologia! Inoltre ho conosicuto il prof. Ruggiero personalmente; mai vista cosi grande professionalità. È assurda questa notizia! Poi ci domandiamo perché gli scienziati e le grandi menti se ne vanno all’estero! La medicina tradizionale non dà soluzioni per molte malattie; perché non prestare attenzione a studi e idee che stanno portando avanti anche all’estero per curarsi? L’Italia sotto questo punto di vista è una vergogna! Divulgherò più possibile la petizione.

    «Se vuoi diventare un vero scienziato pensa almeno mezz’ora al giorno in maniera opposta a quella dei tuoi colleghi.»
    ALBERT EINSTEIN

  8. Che sia tutta una montatura è sotto gli occhi di tutti. La comunità dei sieropositivi è inferocita. A scrivere quella lettera sono state solo 4 persone che all’insaputa degli altri utenti di hivforum, hanno organizzato questa macchina del fango contro Ruggiero. Gran parte degli utenti di hivforum si sono cancellati dallo stesso forum indignati e tutti si sono dissociati da questa vergognosa iniziativa.

  9. «Se vuoi diventare un vero scienziato pensa almeno mezz’ora al giorno in maniera opposta a quella dei tuoi colleghi.»
    ALBERT EINSTEIN

    Una macchina del fango contro il prof. Ruggiero assurda e disgustosa. A tratti, patetica.

  10. Non avevo dubbi Carlo che i malati non centravano, che interesse avrebbero avuto? Infatti si firmano come forum senza nomi e cognomi che furbi! Noi stiamo preparando una lettera come malati di me/cfs, gli utenti del forum di Hiv che non condividono la scelta fatta dai “4 malati” sempre se sono malati; invece di togliersi dal forum, dovrebbero scrivere una nuova lettera anche loro al direttore dell’ospedale di Firenze, spiegando la vicenda e dissociandosi dalla lettera precedente! Se frequenti il forum o conosci le persone sollecitali, c’è poco tempo!

  11. L’Hiv è piaga psicologica prima di essere virus.
    È un’ombra, un alone, un pensiero fisso che gira intorno ad una delle esperienze più intense, eccitanti, quotidiane che esistano… fare sesso. Il senso di colpa, la paura… lo sconosciuto… chi ha fatto sesso con chi… quante volte… orale… penetrazione… una sola volta… le percentuali… bravo ragazzo… prostituta… la morale…

    Credo che sia giusto provare in ogni direzione.
    Credo che sia giusto mettere in dubbio anche le certezze rispetto ad un problema che coinvolge ognuno di noi.
    Credo che ci sia un giro enorme di interessi.

    Spero si trovi una soluzione.
    Spero che si trovi la verità.

    In che mondo viviamo? In un mondo in cui nemmeno si può far sesso?

  12. Da ricercatrice biomedica sono scandalizzata e inorridita dai commenti che leggo qui sotto all’articolo, è incredibile come la gente si faccia abbindolare da questi sedicenti grandi scienziati che continuano ad ammorbare la rete e l’opinione pubblica con le loro criminose teorie senza alcun fondamento scientifico… per favore informatevi seriamente! leggete i libri e gli articoli scientifici! L’AIDS è causata dall’HIV, non c’è più alcun dubbio, tutto il mondo scientifico è d’accordo su questo e tutto il mondo scientifico condanna Peter Duesberg come un criminale… ma voi no, insistete con le vostre manie complottomani, che non desistono neanche di fronte alla logica e all’evidenza, e più tristemente neanche di fronte ai milioni di morti uccisi fino ad oggi dal virus… per la cronaca i più famosi dissidenti sieropositivi sono morti tutti e indovinate di cosa? Di patologie AIDS-associate… leggetevi questo articolo e rendetevene conto voi stessi, http://www.francescosatta.it/dissidenti_e_aids.htm… basta con questa disinformazione, prevenzione e terapie anti retrovirali sono oggi l’unica cura all’aids, chiunque affermi il contrario mente! e mente a discapito dell’umanità… spero che le persone che hanno scritto qui sopra se ne rendano conto senza far troppi danni in giro… saluti!

  13. Per vale

    – Cosa significa “ricercatrice biomedica”?
    – Chi è che “ammorba la rete”? Peter Duesberg è notoriamente il più grande virologo esistente sulla faccia della Terra, ma se vuoi, invece di andare tu ad ammorbare la rete con commenti che neanche la “Santa Inquisizione” si permetteva di fare, vai sul link e leggiti gli articoli scientifici di Duesberg : http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed – sono 136! Leggili ben bene… e, ovviamente, prima di parlare documentati… e non chiedere agli altri di fare quello che tu non fai!
    – Indica su quale articolo, pubblicato su riviste scientifiche della Medicina ufficiale è dimostrato, in maniera inequivocabile, che l’HIV causa l’AIDS: cita l’articolo e noi ce lo andiamo a leggere… poi, ovviamente, se hai raccontato fandonie, come fanno quelli che sostengono l’idiozia dell’HIV, noi te lo diremo e ti inviteremo ad un sano silenzio!
    – “Logica ed evidenza” che citi, secondo me a sproposito, dicono che l’AIDS è l’unica malattia, anzi, sindrome, (presumibilmente) infettiva, contro la quale non si è riusciti a fare un vaccino… in trent’anni eh, non in poche settimane!
    – “Logica ed evidenza” che citi, secondo me a sproposito, dicono che l’AIDS è l’unica malattia, anzi, sindrome, (presumibilmente) infettiva, contro la quale l’organismo fa anticorpi prima di ammalare (ma ti rendi conto della bestemmia, o no?)
    – Quanto ai morti, quanti ne ha uccisi l’AZT? Pensi che lo sapremo mai? Pensi davvero che le scrivano sugli articoli scientifici, queste cose? …magari per farle leggere a te e a quelli come te, che credono che l’HIV sia responsabile dell’AIDS e che l’AZT sia la “cura” dell’AIDS? E quanti sono i morti provocati dal largo impiego di vaccini inefficaci che viene correntemente fatto in Africa?
    – Quali sono i dissidenti morti? Nomi e cognomi, per favore… e la prova che siano morti per AIDS!
    – Cosa sono le patologie AIDS associate? Ci sono dentro anche la tubercolosi e la malaria, per caso? E magari le parassitosi intestinali, che sono la piaga dell’Africa sub sahariana! È vero, manca solo il raffreddore comune, poi tutte le malattie sono AIDS – associate … “ma ci faccia il piacere”, diceva Totò!!!
    – Quello che citi tu sarebbe un articolo “scientifico”? Bene, allora sono io che invito tutti ad andarselo a leggere o poi andare a consultare “PubMed” e vedere se lo trovano lì!
    – Se vuoi ti mando gli articoli curati dall’OMS (WHO) nei quali si afferma in maniera chiara ed inequivocabile che le ART (Anti Retroviral Therapies) non curano l’AIDS… caso mai lo cronicizzano, con grande vantaggio dei produttori di quella cacca e nessuno per gli individui affetti!
    – Facci capire cosa intendi tu per “cura” perché mi pare che qui si equivochi un po’ troppo sui termini!
    – Spero che tu ti renda conto delle enormità che hai scritto… in altra sede, se credi, ti inviterò a leggere le parole con le quali il presidente Mbeki descrive i nuovi inquisitori dell’AIDS… gente che, evidentemente, non conosce né il dialogo, né la scienza, né la democrazia, né, tanto meno, sa cosa siano la libertà di pensiero, di parola e di opinione! Vergogna!

  14. Ma vergogna di cosa?!?!? Vale ha detto la sacrosanta verità… chi ha commentato prima di lei è abituato a studiare dai blog di complottisti, questa è la verità..! Studiate!!
    Io ho prestato volontariato per un anno in un laboratorio di diagnostica virologica, e i pazienti avevano ogni giorno negli occhi la gratitudine nei confronti dei professionisti che li aiutavano a migliorare le proprie condizioni grazie ai farmaci antiretrovirali che demonizzate!

  15. Personalmente sono provvisto di laurea in Medicina e Chirurgia conseguita presso l’Università degli studi di Chieti il 26 Ottobre del 1979, con 110 e lode, specializzazione in Ematologia con 70 e lode, specializzazione in oncologia, con 70 e lode, specializzazione in oculistica con 70 e lode! I titoli sono verificabili presso l’amministrazione dell’Università di Siena o da me personalmente! Aspettiamo di sapere i titoli che può vantare Francesco, oltre alla presunzione di invitare arrogantemente a studiare persone delle quali non sa nulla, solo sulla base della “percezione” della gratitudine che ha letto negli occhi dei pazienti!
    Anche io ho letto gratitudine negli occhi dei pazienti oncologici trattati con chemioterapia, anche se studi multicentrici su centinaia di migliaia di pazienti hanno ampiamente dimostrato che la chemioterapia antitumorale non aggiunge nulla alla loro sopravvivenza e ne deteriora sensibilmente la qualità della vita.
    Vergogna di cosa? Te lo spiego subito! Di andare in giro a vendere per scienza cosa che la scienza, in nome della quale parlate, non ha mai provato!

    • Dr. Mastrangelo Lei può avere tutti i titoli che vuole, qui nessuno mette in dubbio il suo CV, supposto che a qualcuno interessi visto che hanno definito pubblicamente Luc Montagnier (del quale conoscerà i titoli immagino) un “vecchio rintronato” dopo che ha pacificamente ammesso che non ha mai purificato l’Hiv, nè lui, nè Gallo, nè la Sinoussi. E dopo aver ammesso che la purificazione è l’unico modo per essere sicuri che il virus esista. E dopo aver dimostrato la “sieronegativizazzione” fin dal 1985 su Annals of Internal Medicine etc etc… Non è per chi una teoria è valida, anche con 20 specializzazioni o un Nobel, ma il perché. Quindi esibire titoli insieme ad affermazioni non rende queste ultime di certo più credibili, anzi manifesta una certa necessità di chi così si comporta di auto-rassicurarsi dietro i pezzi di carta, che ormai sono piuttoto svenduti in ogni ambito. Le lauree non comportano automaticamente un buon uso della logica.

  16. … e pertanto, ribadisco: vergogna!!!

  17. Il Dr. Vella dimentica di dire, come tutti i soggetti in pieno conflitto di interese non dichiarato, che i mitici farmaci “salvavita” antiretrovirali (cit. foglio illustrativo di tutti) “non curano e non prevengono l’infezione da Hiv nè l’insorgenza delle manifestazioni cliniche associate all’AIDS”. E dimentica anche di dire che la pancitopenia che causano è spesso indistinguibile dall’elenco, politicamente stabilito senza alcuna logica medica, delle patologie aids-correlate. Alla fine, considerando il prestigio ormai acquisito dal prof. Ruggiero (e non solo lui) a livello internazionale, bisogna solo dire grazie alla persona che ha dato inizio a tutta questa carovana di mafiosi, che è una pseudo laureata in chimica di Milano, che come tutti sanno si fa chiamare “Dora” (ma si chiama Luisa) e che gestisce il suo celebre forum (con relativa pagina su Facebook aperta in fretta e furia, deve avere paura di qualcosa forse?) intestato ad un’azienda farmaceutica italiana ma con server in Laos (viva la mafia e la coscienza pulita); un forum dove si fa domande e risposte da sola (ah già, fa eccezione la “bellissima” e “onestissima” intervista a Maga (complimenti anche a lui, che dignità e professionalità farsi intervistare da un personaggio che usa uno pseudonimo… davvero credibili, un applauso per smontarvi da soli). Detto ciò, la verità è pubblica, la gente si sta svegliando. E più questi schiamazzano più fanno pubblicità a scienziati seri che di restare in Italia francamente se ne infischiano.

  18. Errata corrige: Chiedo pubblicamente di accettare le mie scuse al Dr. Mastrangelo Domenico poiché il mio commento era rivolto all’utente Francesco e non a lui, ho confuso il nome leggendo i vari commenti. Mi scusi ancora Dottore e grazie per il Suo intervento. Una Collega.

  19. Intanto i medici del reparto infettivi, continuano a dare i farmaci retrovirali alle persone HIV + minacciandole con il terrore ad assumere i farmaci, altrimenti avranno vita breve.
    Vorrei tanto che tutto ciò finisca, o la verità faccia chiarezza a delle idee ormai in cancrena.

    • Si vede cara Lola che nè i medici nè i pazienti leggono o vogliono leggere i fogli ilustrativi dei farmaci “anti-hiv” che “non curano e non prevengono hiv e aids” e che tra gli effetti collaterali comuni hanno “bassa conta di globuli bianchi” ovvero “aids”. E i fogli illustrativi dei test che dichiarano tutti di non essere diagnostici. Se questi “grandi medici” hanno gioco facile è anche colpa della gente, visto che ora le informazioni al riguardo di questo scandalo sono state rese pubbliche da pochi ma coraggiosi ricercatori anche in Italia.

  20. È uscito il mese scorso il libro di Domenico Mastrangelo intitolato “Le falsità sull’Aids (ancora imbrogliati dalla Scienza?”), edizioni Salus infirmorum, 2015.

  21. Sono Cristina Pereira, ho contratto HIV nel 2009 mi è stato detto dal mio medico che non c’è possibile cura per HIV. Ho cominciato a prendere le mie ARV di, mio CD4 è 77. Ho visto un sito web del Dott Boadi anche ho visto un sacco di testimonianze su di lui su come si utilizza la medicina a base di erbe per curare HIV. L’ho contattato e gli ho detto i miei problemi, mi ha inviato la fitoterapia e l’ho preso per 7 giorni dopo poi sono andato per un check-up e mi è stato negativo. Il farmaco non ha alcun effetto collaterale, non c’è nessuna dieta speciale quando l’assunzione del farmaco visitare la sua visita il suo sito web: http://www.drboadiherbalcentre.webs.com se si stanno avendo un problema simile solo lui e-mail su, DRBOADIHERBALCENTRE@YAHOO.COM

  22. Da ex studente del prof. Ruggiero posso affermare che mai ha tenuto corsi negazionisti se non parlato di teorie alternative dell’aids lasciando il libero arbitrio nel giudizio di chi lo ascoltasse. Affermare che l’efficacia del farmaco dimostra il nesso di causalitá tra malattia e agente eziologico oltre che essere estremamente sbagliato scientificamente (mai sentito parlare dei postulati di kock?) é da farabutti e da cialtroni. Nessuno scienziato serio rischierebbe di affermare una cosa del genere senza una solida base scientifica dimostrativa. Dite che le teorie dei negazionisti sono infondate… rabbrividisco difronte a tanta ignoranza e credulitá. Fatevi una bella ricerca scientifica su pubmed… scoprirete che dopo 30 anni di ricerche sull’hiv e migliaia di pubblicazioni scientifiche al riguardo ancora non esiste un solo articolo che dimostri che tale virus é la causa dell’aids… strano vero? Strano visto che da 30 anni crediamo che sia vero… e invece magia! É una teoria infondata! Negazionisti o no… iniziate a usare quei 2 neuroni che vi ritrovate invece di credere a tutto quello che vi… VENDONO!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: