Per Valentini, la condanna dell’università di Siena sul salario accessorio è tutta colpa del bajon

Bruno-Valentini

In fondo è tutta colpa del bajon

Bruno Valentini. La sentenza emessa dal Tribunale di Siena conferma quanto abbiamo già sostenuto e cioè che il necessario risanamento finanziario non può sostanziarsi in tagli lineari e quindi alla cieca, che colpiscono pesantemente la categoria dei tecnici amministrativi. Questo non è un modo né corretto e né efficace di amministrare un deficit così grande. Il salario accessorio è una voce importante e fondamentale della retribuzione ed è stata una decisione sbagliata la sospensione del pagamento. Chi ha deciso così ha commesso un errore, forzando la normativa e violando un diritti garantito dal Contratto Nazionale di Lavoro. L’Università è un’istituzione autonoma e vediamo troppi tentativi di ingerenza esterna, spesso solo per mera speculazione elettorale, ma non possiamo esimerci da domandarci chi e con quale competenza ha indirizzato il Rettore verso questa scelta, che ha innestato un’ulteriore conflittualità interna alla comunità universitaria, seminando zizzania in un comparto fondamentali per il buon funzionamento dell’Ateneo e dei servizi che eroga agli studenti. La città si attende quindi chiarezza su perché e chi ha la responsabilità di questo comportamento, sanzionato dalla magistratura.

Per Siena è fondamentale che l’Università funzioni bene, nella massima sintonia fra componenti interne, recuperando l’armonia necessaria per realizzare la dura ma necessaria ristrutturazione che allinei i conti economici con i finanziamenti ministeriali, a cui andrà aggiunta una forte azione di rilancio della ricerca e di internazionalizzazione per garantire una ancora maggiore competitività del sistema universitario senese. A nessuno, però, è consentito minare sistematicamente la credibilità dell’Università di Siena, che ha un ruolo irrinunciabile per lo sviluppo del nostro territorio e che tutti dobbiamo aiutare a mantenere un eccellente standard della didattica, in modo da attrarre molti studenti, che è una condizione indispensabile per avere il sostegno adeguato da parte dello Stato, che nonostante l’enorme Debito Pubblico deve continuare ad investire nell’Università per contrastare il declino.

La colpa non è mia è colpa del bajon

Annunci

3 Risposte

  1. «Chi ha deciso così ha commesso un errore, forzando la normativa e violando un diritti garantito dal Contratto Nazionale di Lavoro. L’Università è un’istituzione autonoma e vediamo troppi tentativi di ingerenza esterna, spesso solo per mera speculazione elettorale, ma non possiamo esimerci da domandarci chi e con quale competenza ha indirizzato il Rettore verso questa scelta, che ha innestato un’ulteriore conflittualità interna alla comunità universitaria, seminando zizzania in un comparto fondamentali per il buon funzionamento dell’Ateneo e dei servizi che eroga agli studenti.» Valentini

    Chi e con quali competenze ha deciso di…???
    Chiedo scusa: chiunque e con quali competenze l’abbia consigliato, è una decisione sua!!! E ne deve rispondere lui. La stessa considerazione vale interamente per la Direttrice Amministrativa! Oppure non avevano soldi abbastanza per avere una consulenza specifica????

  2. Caro Giorgio e cari tutti, è proprio così: la decisione è dei due incompetenti e ora la responsabilità è loro. Anche per il danno erariale che perviene dal dover pagare interessi e spese di giudizio quantificate in 350 euro a ricorrente. Comunque per sapere, così per curiosità, chi è il suggeritore di una cazzata così cataclismica basta leggere qui: http://shamael.noblogs.org/?p=7308
    Ossequi
    Cesare Mori

  3. «Il paradigma di Antigone e l’anticonformismo come anticorpo contro il degrado del potere.» Fulvio Mancuso, Il Cittadino Online

    Se pensiamo alla politica italiana in genere e alle vicende locali in particolare, l’interrogativo è: difendere la patria e l’ideale, o difendere un potere costituito e in certa parte usurpato?

    Antigone rivolta al tiranno Creonte: «Morire per te non è morire per la patria». Antigone, quella di Brecht

    P.S. Quanto a conformismo, specie nel mondo “intellettuale”, cade a fagiuolo questa considerazione di Hannah Arendt che odo in una lettura radiofonica: «molti intellettuali diventarono nazisti per non perdere buoni contatti.»

    Ad maiora, RJJ

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: