Ateneo di Siena: sul degrado del Polo Scientifico di San Miniato

Piccola rassegna fotografica di un complesso edilizio il cui ultimo lotto, consegnato nel 2002, già tre anni dopo presentava evidenti segni di degrado.
D230306H230306I230306L230306M230306B230306A221104bisA230306E221104F221104G221104N221104O221104P221104R221104T221104S221104U221104V221104Z221104

Annunci

Svendita di lauree sulla base del “riconoscimento dei crediti formativi”

OmbraNella “presentazione e scopi” di questo blog si legge: «Nel nostro Ateneo “Comunicazione e Marketing” sono ora il top della conoscenza, il sapere dei saperi, la filosofia di questa vita e anche dell’aldilà. Si tratta il sapere come merce da vendere, cercando di coinvolgere, sulla base del “riconoscimento dei crediti”, masse sempre più cospicue di persone e intere categorie professionali, vale a dire persone di tutte le età. Si tratta il titolo di studio come un prodotto da consumare. Presto la laurea sarà portata a casa dal fattorino, telefonando sullo schema del “pronto pizza”! La situazione è seria e il degrado è inarrestabile. La cultura non può scendere per andare incontro alle masse; lo studio è da sempre fatica e selezione.»
In questo campo la realtà ha ormai superato la fantasia. È sufficiente leggere «Lauree facili proposte in convenzione come batterie di pentole», come dice Gian Antonio Stella sul Corriere della Sera, o Cristiana Gamba su Il Sole 24 Ore, o la Sinistra Universitaria di Siena sul Manifesto o S.M. sul Corriere di Siena.